Stresa Festival 2013 - Scenari Press News - il sito della Casa Editrice Scenari S.r.l. di Stresa, che propone notizie e comunicati stampa del Lago Maggiore, Alpi, Italia e Mondo

Presentiamo online gli articoli, le anteprime, le curiosità, gli appuntamenti culturali, gli avvenimenti che dal 1989 costituivano la rubrica "Le Brevi di Scenari" sulla rivista. Invitiamo gli UFFICI STAMPA, le REDAZIONI e i RESPONSABILI MEDIA di Enti ed Aziende ad inviarci informazioni, per costituire una sorta di bacheca virtuale per i nostri numerosi lettori online.
Editoria & Comunicazione - Website - Stampa - Grafica
Corporate identity....  and more
Vai ai contenuti

Menu principale:

Stresa Festival 2013

Le Brevi di Scenari > Alpi & VCO




Le
Settimane Musicali di Stresa e del Lago Maggiore, uno dei più importanti festival di musica classica nel panorama mondiale, nel 2013 hanno presentato una serie di imperdibili concerti ambientati come sempre in esclusive sedi sul Lago Maggiore e nel suo comprensorio.


Il 52° Stresa Festival si apre con la seconda edizione dei
Midsummer Jazz Concerts, mini rassegna jazz in riva al lago, che quest’anno raddoppia i suoi appuntamenti. Nel weekend dal 19 al 21 luglio il Lungolago La Palazzola, con la sua natura generosa e le Isole Borromeo a fare da splendida cornice, sarà l’ideale sede open-air per le cinque proposte che alletteranno gli appassionati di musica improvvisata.
Il Festival riprenderà poi dal 25 al 28 luglio con le Meditazioni in Musica, incentrate come sempre sulla musica rinascimentale e barocca, il cui highlight sarà l’ormai consueto ciclo integrale delle Suite per violoncello solo di Bach, affidato in questa occasione al berlinese Julian Steckel.
Il corpo centrale, intitolato quest'anno Tra terra e cielo, andrà in scena dal 24 agosto al 7 settembre.
La Gstaad Festival Orchestra, diretta da Neeme Järvi e con Fazil Say al pianoforte, inaugurerà il Festival, mentre la Czech Philharmonic, con Jiří Bělohlávek alla direzione e il giovane pianista russo Kirill Gerstein, chiuderà la stagione.
Gianandrea Noseda dirigerà l’Orchestra e Coro del Teatro Regio di Torino nello Stabat Mater di Rossini e la Stresa Festival Orchestra in un programma con musiche di Bach, Schubert, Mozart.
Non mancheranno infine gli appuntamenti  a Palazzo Borromeo sull’Isola Bella, alla Loggia del Cashmere sull’Isola Madre, al Castello Visconteo di Vogogna e alla Rocca Borromeo di Angera e nelle suggestive chiese e ville affacciate sul Lago Maggiore.

Tutte le informazioni su www.stresafestival.eu oppure telefonando al numero +39.0323.31095.




La donazione delle Settimane Musicali di Stresa a Villa Taranto  

L’Associazione Settimane Musicali di Stresa e del Lago Maggiore lo scorso 30 aprile 2013 ha compiuto un ulteriore passo per contribuire alla rinascita dei Giardini Botanici di Villa Taranto, riaperti lo scorso 16 marzo dopo il disastroso nubifragio che li devastò il 25 agosto 2012.

Lo Stresa Festival non ha voluto dimenticare Villa Taranto, realtà turistica e culturale di pregio, che con la sua presenza sul territorio favorisce lo sviluppo dell’economia locale, creando un indotto di notevole importanza. La dirigenza del Festival, in accordo con il M° Gianandrea Noseda, ha pertanto deciso lo scorso dicembre di “dirottare” i fondi destinati alla strenna natalizia per questo piccolo ma simbolicamente prezioso acquisto.
Seguendo quindi il suggerimento fornito dal direttore del parco, dott. Roberto Ferrari, i Giardini Botanici di Villa Taranto ricevono in dono dal Festival un raro esemplare di Acer palmatum ‘Masukagami’, che sarà collocato lungo il Viale degli Aceri, nei pressi della serra che ospita la Victoria cruziana.
L’acero sarà piantumato personalmente dal Maestro Noseda, direttore artistico dello Stresa Festival, nel corso di una breve cerimonia che si terrà martedì 30 aprile alle ore 11, alla quale presenzierà anche il presidente dell’Associazione Settimane Musicali, ing. Giovanni Medeot.



Riportiamo inoltre il Comunicato stampa integrale di Stresa Festival 2013  


Le Settimane Musicali di Stresa e del Lago Maggiore tornano nel 2013 con una serie di imperdibili concerti ambientati come sempre in esclusive sedi sul Lago Maggiore e nel suo comprensorio.

Il 52° Stresa Festival si apre con la seconda edizione dei Midsummer Jazz Concerts, mini rassegna jazz in riva al lago, che quest’anno raddoppia i suoi appuntamenti. Nel weekend dal 19 al 21 luglio il Lungolago La Palazzola, con la sua natura generosa e le Isole Borromeo a fare da splendida cornice, sarà l’ideale sede open-air per le cinque proposte che alletteranno gli appassionati di musica improvvisata.

Enrico Rava PM Jazz Lab presenterà il tributo a Michael Jackson Rava on the Dancefloor (19 luglio), mentre sabato 20 luglio il concerto del pianista e compositore Uri Caine, che alle 18.30 proporrà il suo Solitaire, sarà seguito alle 21.00 dall’esibizione di The Big Sur Project del chitarrista Bill Frisell. Domenica 21 luglio infine i “nuovi ponti tra il jazz e il tango” dell’originale duo formato dal sassofonista Javier Girotto e dal fisarmonicista Luciano Biondini (ore 18.30) precederanno Alma, il progetto musicale nato dall’incontro tra il trombettista e flicornista sardo Paolo Fresu e il compositore e pianista jazz cubano Omar Sosa (ore 21.00).

Highlight delle Meditazioni in Musica (25-28/7), incentrate come sempre sulla musica rinascimentale e barocca, sarà l’ormai tradizionale ciclo integrale delle Suite per violoncello solo di J.S. Bach all’Eremo di Santa Caterina del Sasso di Leggiuno, affidato quest’anno al berlinese Julian Steckel (26 e 27 luglio).
Appuntamenti non perdere anche con il Tölzer Knabenchor diretto da Gerhard Schmidt-Gaden (28 luglio), che eseguirà Sei mottetti di Bach, e con il duo soprano e arpa formato da Maria Cristina Kiehr e Mara Galassi (25 luglio), impegnato in musiche di Caccini e Peri.

Tra terra e cielo è il tema di quest’anno che vuole simboleggiare la proiezione dei nostri migliori desideri e l’aspirazione a un mondo più giusto ed equo, con la consapevolezza di un solido radicamento nella nostra realtà. La programmazione si sviluppa attraverso un’offerta musicale all’insegna del Classicismo e del tardo Ottocento, con le consuete incursioni nel repertorio del primo Novecento.

Il concerto inaugurale vedrà sul palcoscenico del Palazzo dei Congressi la Gstaad Festival Orchestra diretta da Neeme Järvi, che presenterà La Moldava di Smetana e La Mer di Debussy oltre a due brani dal Peter Grimes di Britten e a Water, composizione per pianoforte e orchestra composta nel 2012 da Fazil Say e interpretata dallo stesso eclettico pianista turco.

Mercoledì 28 agosto torna al Palacongressi la Stresa Festival Orchestra che, diretta da Gianandrea Noseda, festeggia nel 2013 il proprio decimo anno di attività. In programma l’Aria dalla Suite per orchestra n. 3 di Bach, la Sinfonia n. 5 di Schubert e la Sinfonia KV 550 di Mozart.

Domenica 1 settembre ancora il Direttore Artistico dello Stresa Festival sarà sul podio a dirigere le compagini di Orchestra e Coro del Teatro Regio di Torino nella trascrizione del Quartetto per archi di Verdi e nello Stabat Mater di Rossini, con le splendide voci di Maria Agresta, Angela Brower, Gregory Kunde e Mirco Palazzi.

Venerdì 6 settembre i Sonatori de la Gioiosa Marca con il violinista Giuliano Carmignola offriranno al pubblico del Palazzo dei Congressi l’interpretazione de Le quattro stagioni e del Concerto in re maggiore RV 212 di Vivaldi oltre ai Concerti grossi II e IV di Corelli.

Il concerto di chiusura del Festival, sabato 7 settembre, è affidato alla Czech Philharmonic diretta da Jiří Bělohlávek, che eseguirà Šárka di Smetana, la Sinfonia n. 7 di Beethoven e il Concerto per pianoforte n. 2 di Rachmaninoff, eseguito dal giovane pianista russo Kirill Gerstein.

Un nuovo progetto, dopo l’inserimento in cartellone nelle scorse stagioni dell’integrale delle Suite per violoncello solo e quello delle Sonate e Partite per violino solo di Bach, prevede nel 2013 l’esecuzione dell’integrale degli Ultimi quartetti per archi di Beethoven, affidati, in tre serate distinte, ad altrettanti quartetti internazionali. Nella Chiesa di S. Ambrogio di Stresa, a partire da domenica 25 agosto, si esibiranno il Keller Quartet (la Grande Fuga e il n. 15, oltre a brani da L’Arte della Fuga di Bach), il Quartetto Prometeo (il n. 13 e il n. 16) e l’Amaryllis Quartet (n. 12 e n. 14).

Ensemble e solisti d’eccezione si alterneranno per il pubblico del Festival: il Ventus Quintet Salzburg (29 agosto), il Nash Ensemble (30 agosto), Marco Rizzi per l’integrale delle Sonate e partite di J.S. Bach (31 agosto), Lycopersicon diretto dal violoncellista Gaetano Nasillo (2 settembre), la violoncellista argentina Sol Gabetta accompagnata dal pianista Sergio Ciomei (3 settembre), l’arpista francese Xavier De Maistre (4 settembre) ed infine il pianista Jean-Efflam Bavouzet (5 settembre).

Una “novità di servizio” per Stresa Festival 2013 è l’anticipazione dell’inizio di tutti i concerti alle ore 20.00. Rimangono invariate le partenze dei battelli per i concerti all’Eremo di Santa Caterina e per le Isole Borromeo, che quindi inizieranno sempre alle 20.30.

Tra le magnifiche sedi che da anni ospitano i concerti di Stresa Festival, sul Lago Maggiore e nei suoi dintorni, sono da segnalare l’Eremo di Santa Caterina del Sasso, lo splendido Salone degli Arazzi di Palazzo Borromeo all’Isola Bella, la Loggia del Cashmere antistante il meraviglioso giardino dell’Isola Madre, la Rocca Borromeo di Angera, il Castello Visconteo di Vogogna, la monumentale Chiesa di Madonna di Campagna a Verbania, la splendida Chiesa Vecchia di Belgirate, Villa Ponti ad Arona.




La storia delle Settimane Musicali,  che dal 1961
promuovono Stresa, il Lago Maggiore e il VCO nel Mondo


Le Settimane Musicali di Stresa sono nate nel 1961 per iniziativa di Italo Trentinaglia de Daverio, nobile avvocato veneziano, spinto ad occuparsi di musica non da interessi personali, ma perché sempre vissuto a contatto con la musica: il padre Erardo era infatti organizzatore musicale, direttore generale del Teatro alla Scala a Milano, sovrintendente del Teatro La Fenice a Venezia e compositore.  
La famiglia Trentinaglia possedeva una villa a Stresa, dove convenivano spesso musicisti e autori, tra i quali Arturo Toscanini, Umberto Giordano e Gianandrea Gavazzeni, tutti attirati dalle bellezze naturali del Lago Maggiore. Durante un soggiorno in questa villa, nell'autunno del 1961, l'Avv. Trentinaglia maturò l'idea di creare una manifestazione annuale che potesse fare di Stresa la sede di uno di quei festival internazionali di musica classica che rendevano famose alcune tra le più belle località d'Europa.

Il 27 agosto 1962 le Settimane Musicali di Stresa furono inaugurate da un concerto dell'Orchestra del Teatro alla Scala, diretta da Nino Sanzogno; nelle edizioni che sono seguite, fino ad oggi, sono arrivati e spesso tornati a Stresa alcuni tra i musicisti più importanti del nostro secolo. Merita una menzione, per il valore dell'iniziativa, la rassegna dei giovani vincitori di concorso, che nella storia delle Settimane Musicali ha presentato artisti che oggi sono famosi concertisti come Michele Campanella, Garrick Ohlsson, Christoph Eschenbach, Murray Perrahia, Jeffrey Swann fino ai più recenti Andrea Lucchesini, Maurizio Zanini e Nikolaj Znaider.

Le Settimane Musicali di Stresa fanno parte dell'Associazione Europea dei Festival; nel 1982 Stresa è stata la sede dell'Assemblea Generale annuale. Dopo gli esordi al Palazzo dei Congressi di Stresa, all'Isola Bella nel meraviglioso Salone degli Arazzi e alla Loggia del Cashmere nei giardini dell'Isola Madre, generosamente concessi dai Principi Giberto e Bona Borromeo, il Festival ha poi ampliato progressivamente i propri orizzonti portando i suoi concerti in nuove sedi storiche, permettendo così di coniugare la musica all'arte, alla cultura e ai suggestivi scenari che offre la zona.

Dal 1999 il Festival ha assunto la nuova denominazione di "Settimane Musicali di Stresa e del Lago Maggiore";
fra le località coinvolte risalta l'incantevole Eremo di Santa Caterina del Sasso, ove ogni anno, per il prologo del Festival, vengono eseguite le Suite per violoncello solo di J. S. Bach. Nuove sedi concertistiche sono anche l'Auditorium "La Fabbrica" di Villadossola, il Castello Visconteo di Vogogna, la Rocca Borromeo di Angera, Villa Ponti ad Arona, Villa San Remigio e la Chiesa Madonna di Campagna a Verbania, la Chiesa Vecchia di Belgirate e la Basilica di San Giulio ad Orta.

Dal giugno 2000 le Settimane Musicali hanno un nuovo direttore artistico: Gianandrea Noseda, giovane direttore che ha raggiunto in breve tempo una solida posizione nel panorama internazionale. Vecchi e nuovi direttori, solisti, complessi sinfonici e cameristici continuano il cammino tracciato oltre quarant'anni fa, all'interno dello stesso coerente itinerario e ad esso sempre fedele, lungo quella linea ascensionale che nel mondo dell'arte appare senza confini e si perde nell'ideale infinito di goethiana memoria.

(Informazioni storiche tratte dalla pubblicazione
"Trent'anni di festival internazionale", a cura di Giuseppe Pugliese)

Torna ai contenuti | Torna al menu