Stresa: primi alberghi - Scenari Press News - il sito della Casa Editrice Scenari S.r.l. di Stresa, che propone notizie e comunicati stampa del Lago Maggiore, Alpi, Italia e Mondo

Presentiamo online gli articoli, le anteprime, le curiosità, gli appuntamenti culturali, gli avvenimenti che dal 1989 costituivano la rubrica "Le Brevi di Scenari" sulla rivista. Invitiamo gli UFFICI STAMPA, le REDAZIONI e i RESPONSABILI MEDIA di Enti ed Aziende ad inviarci informazioni, per costituire una sorta di bacheca virtuale per i nostri numerosi lettori online.
Editoria & Comunicazione - Website - Stampa - Grafica
Corporate identity....  and more
Vai ai contenuti

Menu principale:

Stresa: primi alberghi

Le Brevi di Scenari > Design & Aziende

Ospitalità
L'Hotel Royal, di Bartolomeo Bolongaro,
fu uno dei primi alberghi di Stresa



L'Hotel Royal di Stresa, aperto nella prima metà dell'Ottocento, costituiva una stazione di sosta per le diligenze, lungo la regia strada del Sempione (oggi SS.33), di fronte alle isole Borromeo. Così enunciava la pubblicità dell'epoca.
L'edificio era stato costruito da Barthelemi Bolongaro, che «aveva l'onore di informare i viaggiatori, che nel suo stabilimento avrebbero trovato comodi appartamenti (...), ed era autorizzato ad ospitare la diligenza che transitava tutti i giorni alle sette e mezza del mattino, di ritorno da Domodossola, e alle tre del pomeriggio per ritornare, sempre in corrispondenza con le altre diligenze per Milano, Torino e per la Svizzera... ». Era garantita anche la corrispondenza con gli orari del "battello a vapore, il piroscafo. Altri tempi!

L'edificio successivamente ospitò la Casa dell'Auto, l'ufficio del Turismo, il casinò Municipale per poco tempo, dal 1922, e oggi la sede del Distretto Turistico dei Laghi ed importanti attività commerciali.
Questo fu comunque uno dei primi alberghi di Stresa, quando i primi turisti raggiunsero le sponde del lago, nel XIX secolo. Successivamente nel 1863 venne inaugurato il Grand Hotel et des Iles Borromées... ma questa è un'altra storia, e la racconteremo prossimamente.
Un saluto a tutti gli amanti del Lago Maggiore e delle vicende stresiane dalla redazione della rivista Scenari.

Torna ai contenuti | Torna al menu